"quel mare non esiste"

Pubblicato da Staff cooperativa 28/08/2018

Riscrittura selvaggia de La Tempesta, di W. Shakespeare.

Quel mare non esiste. Riscrittura selvaggia de La Tempesta, di W. Shakespeare.

Sponzarti propone un progetto teatrale che sarà realizzato con i ragazzi dello Sprar di Lacedonia (Minori non accompagnati), in collaborazione con il Comune di Lacedonia e la cooperativa sociale “La città della luna“.

Si tratta di un libero adattamento dell’enigmatico testo di W. Sheakespeare La Tempesta. L’avventura non semplice é affidata a tre personalità esperte e geniali del teatro italiano, eredi della palestra creativa di Romeo Castellucci (Raffaello Sanzio). Silvano Voltolina, Riccardo Manfredi e Sergio Scarlatella che si cimenteranno in due settimane in una “riscrittura selvaggia” e nella messa in scena della storia onirica di Prospero e Calibano, un Principe spodestato che per recuperare il potere perduto ricorre ad una forma di magia egemonica per dominare il mondo che lo circonda e in particolare il nativo dell’isola disabitata in cui viene catapultato, il selvatico Calibano. I personaggi che naufragano sull’isola dopo questa Tempesta, si ritrovano misteriosamente intatti, con i vestiti ancor più puliti dell’inizio viaggio. Un enigmatico ordine che viene messo in crisi dal selvaggio Calibano, figlio di strega.

 

Messo in scena da Riccardo Manfredi e Silvano Voltolina, con la partecipazione di Sergio Scarlatella e gli Ospiti dello SPRAR di Lacedonia (minori stranieri non accompagnati) e gli Ospiti della Comunità Alloggio “Casa Figli di Dio”. In partenariato con il Comune di Lacedonia e la cooperativa sociale “La Città della Luna”.

Lascia un commento