Articoli della categoria: Progetti

Cava dè Tirreni , asilo nido comunale

Pubblicato da Staff cooperativa il 03/11/2017

In un clima allegro e festoso, con il corollario di genitori, bambini ed operatrici, si è svolto questa mattina, presso l’asilo nido comunale di via Carillo a Cava de’Tirreni, la cerimonia di inaugurazione dei servizi socio – educativi per la Prima Infanzia,promossi dal Piano di Zona Ambito S2, finanziati prevalentemente dal Piano di Azione e Coesione Infanzia – Autorità di gestione – Ministero dell’Interno.

Il piano prevedeva l’incremento dei posti disponibili nei servizi per i bambini da zero a tre anni così da assicurare il sostegno del ruolo genitoriale e la conciliazione dei tempi di lavoro.

Alla cerimonia erano presenti il sindaco Vincenzo Servalli e l’assessore alle Politiche Sociali Enrico Bastolla del Comune di Cava de’Tirreni – ente capofila dell’Ambito S2, Elena Silvestri, presidente della Cooperativa Città della luna.

“Oggi inauguriamo quello che rappresenta un fiore all’occhiello ed un momento di orgoglio nei servizi comunali. Il mio ringraziamento- ha affermato il sindaco Vincenzo Servalli- va tutti coloro che hanno reso possibile la realizzazione di questo progetto. Quando si tratta di servizi resi ai bambini l’aspettativa dell’eccellenza è quella a cui aspirare e questa è una struttura di grande servizio e di grande qualità”.

A breve, presso la scuola dell’Infanzia di via S. Maria del Rovo, vi sarà l’apertura del servizio di ludoteca che permetterà, senza la somministrazione dei pasti, la permanenza dei bambini per quattro ore al giorno in modo che anche le madri non lavoratrici potranno fruire di un aiuto quotidiano.

articolo scritto da : #ulisseonline

Leggi tutto...

Servizi Educativi Integrativi a.s. 2017/2018

Pubblicato da Staff cooperativa il 05/09/2017

 

Nell’ambito dei Servizi alla Famiglia offerti dalla Cooperativa, i Servizi Educativi Integrativi rispondono a particolari esigenze che sono proprie dell’organizzazione quotidiana e di conciliazione dei “tempi di vita” di ciascun componente il nucleo familiare.

Le sempre più apprezzabili richieste di Servizi per l’infanzia appaiono dettate non solo da nuove esigenze di organizzazione familiare, legate al tema della conciliazione tempi di vita-tempi di lavoro, ma si configurano anche come vere e proprie scelte educative, alle quali rispondere con una qualità dell’offerta pedagogica.

La centralità della famiglia nell’educazione dei figli, in quanto struttura primaria per la crescita e la sicurezza del bambino, richiede ai servizi educativi anche un ruolo di accompagnamento e di sostegno delle funzioni genitoriali, finalizzato alla promozione di contesti familiari attenti ai bisogni dell’infanzia, alla formazione dei genitori sui compiti educativi e di cura, alla condivisione di modelli pedagogici, intrecciando dialoghi di reciprocità ed alleanze tra le famiglie, per costruire una rete di relazioni e di sostegno. - “Un servizio che pone al centrola famiglia è un servizio che dà un’attenzione in più al bambino, mentre una comunitàche si preoccupa del ben-essere dei bambini è una comunità in cui mette radici unacultura orientata verso il futuro”.

La flessibilità del mercato del lavoro impone alle famiglie nuovi scenari, ai quali rispondere attraverso un’analisi dei bisogni e lo sviluppo di Servizi integrativi, anche di natura sperimentale.

L’orientamento culturale e pedagogico dei Servizi che vengono proposti mette al centro il “bambino” in quanto soggetto attivo portatore di risorse e di bisogni, in costante interazione con il contesto fisico e sociale in cui è inserito. In tale ottica, è indispensabile focalizzare l’attenzione sulla qualità della relazione, sul riconoscimento dell’unicità di ciascun bambino e quindi favorire la creazione di un ambiente  accogliente e stimolante in cui sia garantita la sicurezza e lo sviluppo dell’autonomia.

 

Dall’osservazione partecipata, svolta nell’ambito dei diversi Servizi, il nostro percorso educativo si declina attraverso l’esperienza del fare montessoriano: “guardo, esploro e così facendo apprendo davvero!!” In tale ottica, risiede l’offerta di stimoli costantemente rinnovati, un crescendo di esperienze nuove, ispirate all’approccio psicopedagogico di Vygotskij, ovvero verso la zona di sviluppo prossimale.

 

 

Obiettivi

Obbiettivo generale degli interventi è quello di favorire il ben-essere  socio-psico-sociale del bambino e dei genitori attraverso attività pedagogiche mirate che favoriscono prioritariamente la gestione armonica dei tempi di vita (lavoro, tempo libero) sia del bambino sia dei genitori.

In tale ottica, fondamentale diviene da un lato promuovere il diritto allo studio del bambino facilitando l’accesso e la frequenza alle attività didattiche proprie della Scuola, dall’altro offrire “reti di sostegno” qualificate e competenti alle famiglie che siano in grado di favorire una continuità educativa nei diversi Servizi offerti, coerente con i bisogni specifici di ciascun nucleo familiare.

 Pertanto nell’ambito dei servizi offerti si intendono perseguire i seguenti obiettivi specifici

§  favorire l’integrazione dei tempi di vita di genitori, bambini e Scuola in modo armonioso;

§  migliorare la qualità della vita di genitori e bambini nell’assolvimento delle personali responsabilità quotidiane;

§  favorire una proficua collaborazione tra Scuola, Famiglia e Agenzie del territorio in risposta alle esigenze  che sono proprie dell’età dell’infanzia;

§  favorire un adeguato sviluppo psico-sociale del bambino;

§  garantire la continuità educativa;

§  favorire la costruzione di “reti di sostegno” competenti in risposta ai bisogni specifici di ciascun nucleo familiare.

*    Destinatari

Bambini della Scuola Primaria di primo e secondo grado di età compresa tra i 5 e 13 anni.

Su richiesta delle famiglie è possibile offrire, inoltre,  Interventi di Assistenza Educativa Scolastica come previsto dalla Legislazione vigente in materia, e interventi integrativi pomeridiani in accompagnamento a bambini diversamente abili.

 

*    Metodologia di intervento

La metodologia di intervento adottata nello sviluppo delle diverse attività  si fonda su alcuni fattori  fondamentali nelle azioni di sostegno alla genitorialità che prevedono anche servizi di conciliazione. L’attenzione alle esigenze delle singole famiglie e del singolo bambino, in questo caso,  non possono prescindere da

  • lavoro di e in rete con i genitori e la Scuola sin dalle fasi di programmazione degli interventi;
  • continuità educativa: in ciascun Servizio l’Educatore assume un ruolo di rifermento significativo per il bambinooltre che di sostegno e assistenza.
  • rispetto degli standard di qualità: competenza ed efficienza, il giusto rapporto tra numero di bambini e numero di Educatori favorisce il buon andamento delle attività previste;
  • formazione/collaborazione permanente con Enti Specializzati nell’area Infanzia.

 

Gli strumenti previsti sono:

ü  Incontri programmati con Dirigente Scolastico e Insegnante Referente per l’organizzazione, realizzazione e andamento delle attività interne alla Scuola;

ü  Incontri con le famiglia per l’analisi delle richieste e definizione dei pacchetti personalizzati;

ü  Incontri settimanali di Equipe con gli Educatori per verifica andamento delle attività svolte;

ü  Formazione interna ed esterna: partecipazione a Seminari, Convegni e percorsi formativi di approfondimento Area Infanzia e Adolescenza degli Educatori;

ü  Supervisione mensile con Psicologo/Psicoterapeuta sulle attività e/o eventuali problematiche rilevate.

 

*    Tipologia Servizi 

In base alle peculiari esigenze dei genitori, del bambino ed dalle Convenzioni stipulate con la Scuola di riferimento è possibile attivare i seguenti Servizi Educativi Integrativi:

Servizio di Pre e Post  Accoglienza .I servizi rispondono all’esigenza dei genitori di conciliare tempi  lavorativi dei genitori con gli orari di apertura e chiusura della Scuola. Tale tempo sarà utilizzato per coinvolgere i bambini in attività ludico-ricreative e di socializzazione.

Servizio Extra – Scolastico. Il Servizio prevede l’accompagnamento dei bambini nello svolgimento dei compiti scolastici. In base alle peculiari caratteristiche e/o bisogni di ciascun bambino, l’accompagnamento didattico si integra con quello pedagogico individualizzato.

Su richiesta dei genitori si prevedono inoltre:

- corso di lingua inglese;

- corso di teatro;

Negli istituti scolastici in cui è previsto l’orario curriculare dal lunedì al venerdì (settimana corta) è possibile attivare il servizio anche il Sabato mattina, in base alle richieste e/o esigenze provenienti dai genitori e dall’Istituto che ne fa richiesta.

 Servizio Inter - Scuola . Assistenza educativa durante la refezione scolastica. Gli educatori avranno cura di assistere i bambini durante il pasto per poi accompagnare gli stessi nello svolgimento dei compiti al pomeriggio. Il Servizio mensa è a carico dei genitori e segue le procedure amministrative previste dal Comune di riferimento per l’accesso al Servizio.

Assistenza  Educativa scolastica. In casi di particolari disagi individuali da parte di alcuni alunni (comportamentali e/o di apprendimento) i genitori possono fare richiesta di Assistente educativo scolastico. In stretta collaborazione con il Dirigente scolastico e gli insegnanti referenti viene definito un “progetto individualizzato” finalizzato a sostenere l’alunno nei suoi specifici bisogni. Gli aspetti amministrativi sono regolati dalle normative vigenti in materia di Assistenza Educativa Scolastica tra la Cooperativa e la famiglia che riceve il Servizio.

Alle famiglie si offrono, inoltre, i seguenti Servizi aggiuntivi:

Campi Estivi.Organizzazione di attività extra-scolastiche nel periodo delle vacanze estive.

1. Possibilità di utilizzare gli spazi della Scuola per attività ludico-ricreative per i più piccoli: R-estate con noi al nido (3 mesi - 5 anni) in accordo con la Scuola e il Comune di riferimento.

2. Colonie estive al mare e/o piscina.

Le colonie vengono effettuate mediante convenzione con lido balneare o struttura alberghiera  e prevedono: trasporto, pasti, laboratori ludico/ricreativi, compiti per le vacanze, corsi di lingua, giornate a tema con i genitori.

3. Escursioni in montagna. Riscoperta del territorio e delle sue bellezze archeologiche e non solo, itinerari tra i sentieri del territorio in collaborazione con guide esperte.

Car Baby.Accompagnamento nelle attività quotidiane dei bambini e/o delle famiglie : scuola, palestre, catechismo,  visite mediche, impegni pomeridiani.

Servizio di Baby SittingNei giorni feriali e festivi è possibile richiedere il servizio a domicilio con orari flessibili e rispondenti alle esigenze della famiglia.

 

*    Equipe  socio-educativa

Le figure professionali impegnate nello svolgimento delle attività dei Servizi Educativi Integrativi sono Educatori Professionali con comprovata esperienza nell’ambito dei Servizi all’infanzia.

In particolare l’organizzazione dei Servizi si avvale di una equipe socio-educativa formata da:

 

Coordinatore

Educatori Professionali

Psicologo Supervisore

Segreteria organizzativa

 

*    Schede Attività - Pacchetti

 

In riferimento alle peculiari esigenze delle famiglie e delle richieste dell’Istituto Scolastico in cui vengono proposte le attività dei Servizi Educativi Integrativi sarà possibile costruire specifici pacchetti ad hoc.

Leggi tutto...

Giardino sensoriale

Pubblicato da Staff cooperativa il 21/02/2017

I giardini sensoriali  sono dei percorsi dove i bambini possono avvicinarsi alla natura e esplorare i diversi elementi scoprendo forme, colori e consistenze dei doni della natura.

Possiamo realizzare giardini sensoriali e sentieri sensoriali per bambini a casa nostra, nel nostro giardino oppure nel cortile di un asilo, di una scuola, di una ludoteca o di un’altra struttura dedicata ai bambini. Leggi tutto...

“Mi Coltivo”

Pubblicato da Staff cooperativa il 09/02/2017

Premessa/ Obiettivi

Obiettivo generale del progetto è favorire la promozione del benessere psico-sociale di persone che hanno vissuto e/o vivono particolari condizioni di disagio personale, familiare e/o sociale. Esso intende proporsi come progetto pilota in cui la terra, la coltivazione dei prodotti della terra, il contatto con la natura  divengono strumenti di un’azione educativa e lavorativa insieme con una forte valenza ergo-terapica. L’Orto Sociale, inteso come Laboratorio di incontro e confronto di vite ed esperienze diverse che ha il compito di trasformare le fragilità in risorsa. In tale ottica, l’Orto Sociale diviene uno strumento in grado di offrire opportunità differenziate in cui sperimentare la formazione al lavoro, il graduale reinserimento sociale e lavorativo, lo scambio di esperienze di vita.

Esso nasce dall’esigenza di offrire percorsi individualizzati a persone che con fragilità e problematiche diverse usufruiscono dei servizi Territoriali di Cittadinanza denominati House sociale gestiti dalla Cooperativa La Città della Luna. Tali Servizi sono attivi da alcuni anni sul territorio di Cava de’ Tirreni ed affidati con regolare Determina dal Comune inviante alla scrivente Cooperativa. Il Servizio territoriale di Cittadinanza consiste nella presa in carico di un nucleo familiare che ha manifestato una grave condizione di disagio (perdita della casa, povertà, disoccupazione di entrambi i genitori, genitore detenuto e/o ex detenuto) e nel suo graduale accompagnamento verso una condizione di autonomia sia economica sia sociale in un tempo dato, generalmente massimo due anni.

L’Orto Sociale diviene una delle azioni trasversali al Servizio Territoriale di cittadinanza ed uno strumento fortemente ri-abilitativo delle capacità e delle risorse personali. Partendo da una condizione di estrema fragilità individuale ed emarginazione sociale si avrebbe la possibilità di sperimentare sin da subito una condizione di “tregua” dalle proprie difficoltà per vivere un’esperienza  formativa  sia sul piano umano sia professionale.

 

 

Destinatari

Destinatari diretti del progetto  sono, in particolare, persone che esprimono disagi psico-sociali diversi come ex detenuti, ex-alcol-tossicodipendenti, persone in gravi condizioni di indigenza, disabilità mentale lieve o disabilità fisica, particolari situazioni di emarginazione,  inseriti nei  Servizi territoriali di Cittadinanza denominati House Sociale.

Destinatari indiretti dell’intervento divengono le famiglie delle persone coinvolte

 

Obiettivi specifici

La realizzazione dell’Orto sociale intende perseguire i seguenti obiettivi specifici:

· favorire la costituzione di uno spazio vitale in cui sentirsi a proprio agio,conversare, passeggiare, fare giardinaggio, piantare, seminare, sporcarsi, divertirsi, aiutarsi, ascoltare e  favorire l’inclusione sociale

·       sensibilizzare ed educare a uno stile di vita sano

·       migliorare la qualità della vita

·       aumentare il livello di auto-stima

·       valorizzare risorse e capacità individuali

·       orientare al lavoro attraverso il rispetto delle regole e del fare insieme

·       aumentare le competenze professionali

·       impiego/formazione in ambiente protetto

·       migliorare/mantenere le autonomie personali

·       valorizzare alcune aree verdi del territorio

 

·    

 

Metodologia di intervento

L'apprendimento di nuove abilità e competenze sia pratiche  sia teoriche rappresenta un supporto notevole per favorire i processi di autonomia e aumento graduale del livello di autostima dei beneficiari destinatari del progetto.

In tale ottica l’utilizzo dell’Orto-terapia diviene un valido strumento per favorire i perseguimento di detti obiettivi.

L’Orto-terapia o Terapia Orti-colturale è un metodo riabilitativo del disagio e della disabilità che appartiene all’ambito delle “terapie occupazionali”, definite anche ergo-terapiche.

Tale metodo consiste nell’incentivare, nel preparare e nell'affiancare il soggetto nella cura e nella gestione del verde, nella coltivazione di fiori, ortaggi ed altre piante. Prendersi cura di organismi vivi, possibilmente in gruppo, stimola il senso di responsabilità e la socializzazione. A livello fisico, sollecita l’attività motoria, migliora il tono generale dell’organismo e dell’umore, attenua stress e ansia.

Finalità dell’Orto-terapia sono l’acquisizione di abilità, autonomia e competenze,  stimolazione allo sviluppo delle capacità di interazione e partecipazione, il recupero e la valorizzazione delle capacità individuali. Ogni progetto “riabilitativo” nasce dall’esigenza di favorire l’autonomia personale, a rafforzarne l’autostima, a riconquistare un ruolo attivo nella vita e favorirne l’inclusione sociale.

Attraverso il contatto con la terra, si sperimenta un modo unico e semplice di mantenersi in forma, di tornare a prendere confidenza con se stessi, di rimettersi in gioco e di raggiungere risultati che apportano positività e benessere. Far crescere una coltura favorisce il senso di orgoglio e soddisfazione, contribuisce a sviluppare senso di responsabilità, stimola capacità cognitive e muscolari. Abbellire un giardino, aiuta a sollecitare creatività ed immaginazione, rafforzando così fiducia e autostima e potenziando i rapporti con gli altri.

 

Ubicazione dell’Orto Sociale

L'orto sorge in una piccola area coltivabile sita in Località Passiano Cava de Tirreni  in comodato d’uso ventennale dalla Cooperativa e il proprietario del terreno . La manutenzione è affidata ai soggetti indicati con la supervisione  sul campo dei volontari e operatori/educatori sociali.

Equipe di lavoro

n. 1 Responsabile di progetto

n.1 Esperto botanico

n.1 Educatori

Volontari

 

L’equipe di lavoro avrà il compito, ciascuno per le proprie competenze e professionalità di accompagnare i beneficiari diretti del progetto nella cura, gestione e manutenzione dell’Orto Sociale. Essa avrà, inoltre, la responsabilità di pianificare le attività dell’orto: studio, ubicazione, superficie da coltivare, scelta delle piante e delle attrezzature da utilizzare. L’equipe si riunirà periodicamente, a cadenza mensile, per monitorare le attività di coltivazione e manutenzione. L’equipe si riunirà periodicamente a cadenza mensile per verificare sia gli aspetti tecnici circa le attività  di coltivazione e manutenzione sia  gli aspetti sul piano educativo/riabilitativo dei destinatari finali.

Gli operatori, educatori e volontari contribuiranno alla predisposizione delle attrezzature e dei materiali necessari e all’affiancamento costante dei beneficiari del progetto sul campo. Essi saranno, inoltre, coinvolti nella fase di pubblicizzazione dell’iniziativa attraverso incontri con gli studenti nelle scuole, in cui veicolare l’importanza dei prodotti a km 0 e il sostegno alla tutela dell’ambiente. Infine saranno coinvolti in momenti di promozione del territorio cavese con particolare riferimento alla diffusione dei prodotti tipici locali salernitani che hanno origine sul territorio di Cava de’ Tirreni (patate, broccoli, pomodori).

 

 

Leggi tutto...

Cohousing

Pubblicato da Staff cooperativa il 23/01/2017

La nostra Cooperativa Sociale La Città della Luna unitamente ad altre Cooperative del Consorzio La Rada partecipa al Cohousing "Ogliastro Accoglie" e al "C.A.S. PIAGGINE ACCOGLIE" Leggi tutto...